Aloe: proprietà benefici e controindicazioni

Aloe: cos’è e definizione

L’aloe, conosciuta anche come Aloe Vera, è un arbusto a gambo corto che raccoglie oltre 500 specie di piante diverse, dalla consistenza succulenta e dalle fioriture a grappolo.

Gran parte delle specie di aloe che popolano il pianeta si trovano in Africa. Le foglie di questa pianta sono succulente e si ergono verso l’alto formando una rosetta composta da numerose foglie.

Sono molto gli usi che sono stati fatti del gel ottenuto dalle foglie di questa pianta nel corso dei secoli.

È stata oggetto di numerosi studi scientifici per anni e sono tante le proprietà benefiche che vengono attribuite a questa pianta.

Viene coltivata in tutto il mondo e per secoli è stata utilizzata dalle varie popolazioni per svariati scopi, come cibo, ingrediente per integratori e cosmetici, rimedi a base di erbe, ecc.

Il primo utilizzo di aloe viene testimoniato nel Papiro Erbes, un documento egiziano risalente al XVI secolo a.C. e secondo uno studio pubblicato sull’Indian Journal of Dermatology, nell’antico Egitto questa pianta ebbe veniva chiamato come ‘pianta dell’immortalità’.

Gli stessi autori non escludono che il primo uso di aloe possa risalire a tempi ancora più remoti, considerato che ne è stato fatto utilizzo in popolazioni antiche della Cina, del Giappone, India, Grecia e Messico.

Proprietà e Benefici dell’aloe

Le affermazioni medicinali sull’aloe sono moltissime ma solo alcune di queste sono supportate da fondamenti scientifici.

Questi ultimi riguardano la salute di denti e gengive, come dimostrato da uno studio pubblicato su General Dentistry, il quale spiega che l’aloe vera presente nei dentifrici e gel dentali è efficace tanto quanto altre sostanze chimiche o di origine medicinale.

La studio si è focalizzato sulle capacità di combattere i germi mettendo a confronto un gel a base di aloe con due dentifrici di note marche mondiali.

Dai risultati dei test si è notato come il gel è altrettanto valido e in alcuni casi perfino più efficace nel combattere germi e batteri del cavo orale.

Costipazione

L’aloe è un valido aiuto anche contro la costipazione. La pianta è stata approvata come trattamento valido contro questo disturbo dalla Commissione regolatrice tedesca per l’uso di piante in campo medico.

I dosaggi consigliati per combattere la costipazione vanno dai 50 ai 200 milligrammi assunti in forma liquida o in capsule una volta al giorno per un periodo di circa 10 giorni.

Di contro, l’FDA (Food and Drug Administration) nel 2002 ha stabilito che le prove in favore dell’efficiacia dell’aloe contro la costipazione non sono sufficienti e perciò in America, i prodotti a base di aloe non sono venduti per combattere il problema.

Ulcere del piede causate da diabete

Uno studio condotto in India, al Sinhgad College of Pharmacy ha pubblicato i risultati sull’International Wound Journal, dopo aver esaminato le capacità dell’aloe nel curare le ulcere.

Secondo questo studio, un gel a base di aloe vera con aggiunta di carbopol 974 all’1% promuove in modo significativo la guarigione delle ferite causate dal diabete nei topi da laboratorio. I risultati superano di gran lunga quelli dei più comuni prodotti di origine farmaceutica presenti in commercio finora.

Proprietà antimicrobiche e antiossidanti

All’Università di Las Palmas de Gran Canaria, i ricercatori hanno pubblicato uno studio su Moleculus, tramite il quale è stato possibile determinare che l’estratto di metanolo dalle pelli di foglie e fiori di aloe potrebbe avere effetti benefici sullo stato di salute generale dell’uomo.

Gli studiosi hanno concentrato i test sulle proprietà antiossidanti e antimicroplasmatiche dell’estratto. Il microplasma è un batterio privo di pareti cellulari che sono praticamente immuni ai tradizionali antibiotici. Tuttavia esistono molte sostanze antimicroplasmatiche che riescono a debellare questo tipo di batterio.

Secondo questo studio, l’estratto di foglie della pianta e dei fiori dell’aloe, avrebbe proprietà antiossidanti e antimicrobatteriche in grado di combattere i microplasmi.

Effetto protettivo sulla pelle

Non solo contro i raggi UV ma anche contro le radiazioni indotte da radioterapia, come dimostrato da uno studio condotto presso L’università di Napoli, nel quale sono stati sottoposti 100 pazienti ai quali sono state somministrate diverse creme da applicare per un certo periodo.

L’uso preventivo di una crema a base di aloe ha ridotto l’incidenza dei danni da radiazioni tanto quanto quelle di origine chimica o farmaceutica.

Controindicazioni dell’aloe

In quantità eccessive, l’assunzione di aloe può causare dissenteria, crampi addominali e irritazioni del tratto gastroesofageo. Anche per questi motivi se ne sconsiglia l’uso durante la gravidanza.

Non è indicata per soggetti affetti da diabete che seguono trattamenti ipoglicemizzanti.