Curcuma ed erezione

Quando si parla della curcuma e dei suoi benefici spesso si tende a dimenticare uno dei più grandi vantaggi di questa sostanza: quelli legati all’erezione. In effetti, si tratta di un rimedio naturale ben adatto proprio a tutti coloro che soffrono di problemi erettivi non patologici. Sembrerebbe che riesca a migliorare l’erezione in tutti i suoi aspetti dando agli uomini la possibilità di sentirsi maggiormente in salute. In aggiunta ad altri rimedi naturali per migliorare la forza, la durata e la resistenza dell’erezione, la curcuma può risultare una sostanza di cui spesso non si può proprio fare a meno.

Come usare la curcuma e lo zenzero per migliorare l’erezione?

Tra i primi rimedi naturali che conviene prendere in considerazione se si vuole migliorare la propria erezione riguarda il composto formato dallo zenzero e dalla curcuma. Entrambe sono delle sostanze in grado di agire in un modo piuttosto accentuato sulla sull’erezione svolgendo un’azione benefica a 360°.

Si può assumere queste sostanze anche in modo diviso, a parte, ma si consiglia di preparare un infuso. Quest’ultimo può essere bevuto singolarmente oppure essere aggiunto al tè.

Il rapporto tra la curcuma e lo zenzero è sempre 1:1. Se si utilizzano 15 grammi dello zenzero occorre usarne sempre 15 della curcuma. Se si raddoppia la quantità dello zenzero usato per preparare l’infuso, occorre raddoppiare anche la quantità di curcuma. Per quanto riguarda il liquido che bisogna usare, invece, si consiglia l’alcool (100 ml per 15 grammi di zenzero/curcuma, 200 ml per 30 grammi, 300 ml per 45 grammi e così via). Il tutto va mescolato in una ciotola, preferibilmente di vetro, e quindi chiuso con un coperchio ermetico. Il miscuglio così ottenuto va conservato in un posto asciutto e scuro: il composto potrebbe perdere le proprietà benefiche a causa dell’umidità oppure della luce del sole. Affinché l’infuso sia pronto e possa essere utilizzato con la maggior efficacia possibile, bisogna aspettare circa 6-8 settimane. Infine sarà pronto per essere utilizzato con moderazione. Non bisogna esagerare con l’infuso così preparato, in quanto si rischia di ottenere un effetto diverso a quello sperato.

Si può usare la curcuma come un afrodisiaco?

Non è affatto un caso se la curcuma è ritenuta da tantissime persone (sia uomini che donne) anche un potente afrodisiaco in grado di stimolare la voglia e l’immaginazione erotica. Questa sostanza naturale non solo svolge degli effetti benefici direttamente sull’umore (per esempio aiuta a combattere la depressione, un’azione già dimostrata da diversi studi), ma ha anche delle proprietà eccitanti. Essa, insomma, contribuisce a rendere il rapporto più piccante, aggiungendo allo stesso un tocco di classe.

Ovviamente, il partner può anche non sapere che viene usata la curcuma per stimolare i sensi e in questo caso non serve nemmeno preparare dei particolari composti o miscuglio. Basta semplicemente aggiungere un po’ di curcuma a un qualsiasi piatto. E anche se alle prime volte potrebbe sembrare che il suo effetto sia nullo, la realtà è che con il tempo agirà come una specie di viagra al 100% naturale. Tutto ciò che bisognerà fare, quindi, è semplicemente godersi l’effetto afrodisiaco della curcuma.

Anche in questo caso, però, è meglio non esagerare con le somministrazioni per non incorrere in effetti collaterali spiacevoli: chi va piano, va sano e lontano.

Come agisce lo zenzero sull’erezione?

Per 5 mila anni, lo zenzero è stato attivamente utilizzato in medicina. Le sue proprietà furono apprezzate dagli antichi romani, dai cinesi e da molti altri popoli.

Oltre alla diarrea e altri problemi di stomaco, cataratta, depressione e processi infiammatori, la radice dello zenzero è adatta per il trattamento dell’impotenza se la causa è rappresentata da uno scarso afflusso di sangue all’organo riproduttivo maschile (pene), dai danni vascolari oppure dalla mancanza di testosterone. Ricco di vitamine e salo minerali, lo zenzero è in grado di aiutare gli uomini che soffrono dell’impotenza per queste cause.

La radice di zenzero agisce anche come un forte afrodisiaco, stimolando l’eccitazione con il suo aroma gradevole. Esiste persino un’intera tecnica orientale per il trattamento dell’impotenza con l’aromaterapia con l’aggiunta della terapia con lo zenzero: dei bastoncini speciali con questa sostanza vengono bruciati vicino al corpo della persona per creare calore e causare sudore. Tuttavia, è stato dimostrato che lo zenzero in quasi tutte le forme è molto efficace nell’eliminazione dei problemi di erezione, eiaculazione precoce e spermatorrea.

A causa del suo componente principale (lo gingerolo), lo zenzero ha delle spiccate e ben accentuate proprietà vasodilatatorie. Ciò favorisce il flusso di sangue nell’organo genitale maschile al momento giusto. Lo zenzero stimola anche la produzione del principale ormone maschile – il testosterone. Tuttavia non funziona come un qualsiasi medicinale per l’erezione, ma ha degli effetti visibili solo dopo un uso prolungato. Quindi bisogna usare lo zenzero con una certa costanza se si vogliono davvero ammirarne i vari vantaggi.

Come usare una crema per l’erezione fai da te?

In alternativa si può prendere in considerazione l’idea di realizzare una crema per combattere l’erezione nella propria abitazione, in modo del tutto fai da te. In questo caso si possono comunque usare le “solite” sostanze: lo zenzero e la curcuma. Invece di preparare un infuso, però, si consiglia di preparare una crema. Per farlo bisogna spezzettare entrambe le sostanze per poi versarle in una ciotola. Successivamente si può aggiungere al composto dell’acqua, mescolare, e usare una sostanza condensante per creare un liquido maggiormente denso.

La crema così preparata va applicata al pene prima del rapporto sessuale oppure per prevenire le disfunzioni erettili ogni giorno fino a un massimo di 2 volte giornaliere.

Non ci sono delle particolari controindicazioni all’uso di questa crema: possono farlo tutti, sia i giovani ragazzi che gli uomini di una certa età. L’unico problema è che un rimedio fai-da-te comunque un po’ fiacco.

Curcuma e testosterone

Spesso i problemi con l’erezione dipendono non dal sistema cardiocircolatorio, ma da quello endocrino. Semplicemente, lo stato ormonale dell’organismo non permette al pene di raddrizzarsi. La buona notizia è che, se usata con delle precauzioni, la curcuma può agire sull’equilibrio ormonale nell’organismo aumentando i livelli di testosterone. L’uomo, così, si sentire più energico e in vigore; aumenta anche la sua volontà di avere dei rapporti sessuali. Tuttavia, questo non avviene subito e bisogna somministrare la curcuma per almeno 3 mesi se si vuole aumentare il livello di testosterone nel sangue del 17%.